Uccidiamo le vacche sacre del web

maggio 31, 2007 § Lascia un commento

vacche-sacre.jpg 

Oggi ho compiuto un’operazione archeologica. Ho ripescato un documento del 2002, redatto dai sedicenti Oliva&Toscani: “One minute site Manifesto”. Un pamphlet che si scaglia contro le “vacche sacre del web”, ossia quei fornitori di servizi web che – abbindolando CEO e decisori di piccole e grandi aziende – vendono loro siti pachidermici e inutili, difficili e fastidiosi da visitare. Il documento ha 5 anni ma non mostra grandi segni di obsolescenza.

L’idea è quella di mettere l’utente al centro dell’attenzione (maddai … avevano anticipato il web 2.0?…), progettare una navigazione chiara con testi e immagini (poche) ad hoc, con tempi di caricamento rapidi: in un minuto il visitatore deve aver trovato quello che cerca e/o essere invogliato a non andarsene.

Su alcune cose non sono così d’accordo: Oliva&Toscani sostengono, certamente con spirito provocatorio, che l’home page è la pagina meno importante del sito. Falso. E’ fondamentale costruire una home che risponda alle famose 4 domande di Krug (cos’è? cosa ci posso fare? cosa hanno qui? perchè dovrei essere qui e non altrove?).

Sono d’accordo invece sull’abolizione dei siti-brochure: molte aziende – in un delirio autorefenziale – riversano letteralmente la brochure corporate nel sito, sproloquiando in monologhi inutili che nessuno legge (tantomeno sul web…).

Ottima la ricetta per il “sito da un minuto”:

-grafica ridotta al minimo

-presentazione minimal ma significante dell’azienda

-relazioni e presentazioni da parte degli uomini facenti parte dell’azienda, che devono comunicare in maniera light i valori e i plus della stessa.

Quindi: molte persone (il sito deve essere “in ascolto”), pochi fronzoli, tanto dialogo.

Leggi il documento (PDF, 291 kb): one_minute_site_manifesto.pdf

L’anima NEL commercio

maggio 30, 2007 § Lascia un commento

 paola.jpg

Bel post “immobiliare” (ma non solo) della mia complice Paola Faravelli

Perchè non è forse un cliente soddisfatto la migliore pubblicità possibile? Questo recita la mia mission, e a volte mi ritrovo a domandarmi che cosa significhi.

Il cliente entra in ufficio con un desiderio, un sogno che, in quanto tale, non è chiaro nemmeno a lui, così quando si confronta con la realtà, il suo immaginario si deve ridimensionare, quanto meno adattare.

 E allora, come renderlo felice? Aprendogli la porta del cuore più che quella di un triste bilocale, travolgendolo di immagini più che di documenti, ubriacandolo di prosecco più che di parole.

Il cliente desidera essere ascoltato, capito e quindi consigliato, con competenza e serietà.

E se poi non dovesse acquistare da noi, pace. Perchè non è forse il cliente soddisfatto la migliore pubblicità possibile?

Vision Post: cronache dalla società digitale

maggio 30, 2007 § Lascia un commento

 visionpost.jpg

Nasce Vision Post, il nuovo contenitore di notizie e approfondimenti sulla tecnologia creato da Franco Carlini e dai ragazzi di Totem. Nasce dalle ceneri di una testata cartacea, Monthly Vision, dopo un parto di 4 mesi. Ora in versione “beta”, Vision Post propone ben 11 canali tematici: web 2.0, cultura digitale, telefonia mobile, reti e media, tecnologie e visioni futuribili, alcuni tra i temi affrontati. Con la professionalità di sempre. In bocca al lupo.

Qui l’editoriale di Franco Carlini

L’eLearning del futuro…con vista sul mare

maggio 30, 2007 § Lascia un commento

 tia-pannello.jpg

Manca una settimana a Training in Action, l’evento sulle nuove tecnologie educative organizzato da Giunti Labs con il MIT di Boston e altre importanti associazioni internazionali che promuovono gli standard per l’eLearning.

Dando un occhiata all’agenda ormai ufficiale è evidente che la qualità degli speaker e dei partecipanti è davvero elevatissima: si parte con una presentazione dello stato dell’arte dell’innovazione applicata ai processi formativi, in cui sarà per esempio interessante ascoltare le recenti evoluzioni di WearIT(at)Work, un progetto europeo che mira a sviluppare soluzioni in grado di assistere il lavoratore del futuro con veri e propri “computer indossabili”.

In ambito comunitario, l’evento darà visibilità ad altri importanti progetti come Prolix (integrazione di Business Intelligence, eLearning e gestione degli SKILL formativi), TENcompetence (sviluppo delle competenze personali), ELU (sviluppo di una piattaforma europea di T-learning), SculptEUR (ambienti virtuali 3D al servizio della conservazione e gestione dei Beni Culturali), MOBIlearn (il più importante progetto mondiale per la formazione su telefonini, smartphone e altre periferiche “wireless”)…

Da non perdere i casi di studio presentati da Ferrari (sì, quelli delle macchine!), Ericsson, Philips Medical System, IKEA, Volkswagen, EADS, Cegos, Fideuram, Schlumberger, North West Airlines…

Tra le nuove tendende della formazione del futuro segnalo l’eLearning informale, che strizza sempre più l’occhio ai social networks, il personal learning o “formazione personalizzata”, ossia un approccio più verticale all’apprendimento (dal broadcasting di contenuti formativi al narrowcasting con corsi costruiti e veicolati a utenti sempre più profilati), l’utilizzo di periferiche e piattaforme di creazione/fruizione sempre più svincolate dal “tradizionale” (!) PC, come le periferiche mobili e il digitale terrestre…

L’evento si svolge in una coreografica abbazia situata sulla Baia del Silenzio di Sestri Levante, con fantastica vista mare…location d’eccezione e sede (abituale) di Giunti Labs…

Analogico vs Digitale

maggio 28, 2007 § 2 commenti

fate-come-me.jpg

Un anno fa non avevo un blog. Si, lo ammetto! Da anni mi occupo di tecnologia, dal 2004 sono nella comunicazione di Giunti Labs, società “eLearning” di Giunti editore, eppure non avevo un blog. Li leggevo. Il primo è stato [mini]marketing, e altri “storici” come Vittorio Pasteris, e Marco Camisani Calzolari. Leggevo. Aggregavo. Mi informavo. Ma non partecipavo. Non interagivo. Paura? Forse. Timore del nuovo. Di confrontarmi con commenti aperti e con un’immensa rete di relazioni e contatti. Di mettermi davvero in gioco. Poi l’ho fatto. E non me ne sono pentito. Perchè per professare l’innovazione bisogna esserne utenti. Come dice il già citato Marco Camisani in questo bel post. Esserne utenti vuol dire iniziare umilmente  ad utilizzare certi strumenti, certe opportunità. Mettersi a disposizione. Non voglio essere retorico. Tuttavia aprire un blog (e usare altre “applicazioni sociali”) mi ha – metaforicamente – aperto moltissimo la testa. Come diceva un indimenticato Telly Savalas in una pubblicità storica: fate come me!

Libri, marketing e buon senso

maggio 28, 2007 § Lascia un commento

libraccio.jpg

Via La casalinga di Voghera, blog molto “sensato” che leggo spesso, ecco un esempio di marketing del buon senso: il claim, ormai storico, de Il Libraccio, catena di librerie che vende testi per la scuola – per lo più usati – ed anche libri nuovi … qui c’è solo da fare il proprio lavoro.

Idealista.it: l’immobiliare sulla strada dell’innovazione

maggio 28, 2007 § 4 commenti

 idealista.jpg

Accolgo con piacere il lancio italiano di Idealista, un portale immobiliare che ha spopolato in Spagna (tra i primi 50 siti più popolari, 5 milioni di fatturato, 1.6 milioni di utile).

Molto pulita e Google style è la pagina iniziale e quelle interne: pochi fronzoli, niente lucine, bannerini, strass, ricchi premi e cotillons … solo un ottimo motore di ricerca, che in pochi click mi ha dato risposte chiare ed esaurienti … bella l’idea delle mappe (qui proprio quelle di Google) e molto semplici le schede degli immobili in vendita/affitto. Ancor più interessante la vista aerea reale con georeferenziazione precisa (ma con ovvi rovesci della medaglia, qualora l’alloggio non sia di competenza esclusiva dell’agenzia che lo propone…chi fa l’agente immobiliare mi capisce…).

Trovo un pò esagerato il fatto di sbandierare come “2.0” (non se ne può più…) e innovativi alcuni concetti che diversi portali generalisti e di singole insegne in franchising hanno già lanciato da tempo: le mappe stesse, le visite virtuali (quando ero in Vista Mare, sette anni fa, venne da me un fotografo/webmaster che mi propose qualcosa del genere e venne bollato come pazzo…), gli avvisi personalizzati (“la casa cerca te”) … apprezzo il fatto che l’azienda che sta dietro ad Idealista –  e qui cito un post di Vincenzo De Tommaso, che ne cura ottimamente la comunicazione – incoraggi la creazione di contenuti generati dagli utenti (ma come potrebbe popolarsi un portale immobiliare generalista senza la loro collaborazione?), abbia un modello di business ispirato alla “long tail” (e fatturati polverizzati che compongono potenzialmente e sperabilmente grandi numeri), guardi con favore al fenomeno dei blog … ma basta questo per fare davvero innovazione?

Mi piacciono molto alcuni “motivi” scelti per il lancio, tra cui l’obiettivo di porre fine all’ansia e alla frustrazione di chi cerca casa…a volte le ricerche sono davvero “tunnel” da cui non si vede la luce…in bocca al lupo al team di Idealista, in cui brilla la stella di Paolo Zanetti, ex Head of Marketing & Sponsorship di Torino 2006…mi piacerebbe davvero confrontarmi con voi perchè ho l’impressione che siate bravissimi ma che nessuno di voi abbia mai calcato un marciapiede a suonare campanelli per acquisire una casa o “fare zona” (neanche io, ma – fidatevi – so cosa vuol dire!).

L’Arrocco: il marketing “sottile” del b&b

maggio 28, 2007 § Lascia un commento

 cervo.jpg

C’è un paese che mi sta molto a cuore, perchè ci vivono i miei genitori, tanti amici e ci ho passato l’infanzia: si chiama Cervo, ed è situato in Liguria, tra Savona e il confine francese, non lontano da Imperia. Un borgo medioevale a picco sul mare, pieno di storia, musica e magia, che sta vivendo una seconda rinascenza. Qui stanno aprendo diverse attività commerciali: bar, ristoranti, negozi di souvenir, ateliers e bed & breakfast. Ed è proprio di uno di questi che voglio parlare: l’Arrocco.

Il nome è tutto un programma: il posto è incastonato, infatti, nel cuore del centro storico di Cervo, nell’antico palazzo Bormida Silla, una costruzione signorile a piani sfalsati e terrazze dalla vista incantevole, sospeso tra mare e cielo. Definirlo b&b è forse riduttivo, in quanto si tratta in realtà di un’associazione culturale, un luogo di ritrovo in cui fermarsi per gustare un particolare dolce fatto in casa, un tè o una tisana, leggere un libro raro, ammirare veri scudi etiopi o scoprire la propria immagine nello specchio che fu del conte Camillo Benso di Cavour: un curioso e contaminato melting pot di stili e reminiscenze piemontesi, liguri ed africane.

Ottima ed appealing quindi la proposta e l’immagine, con un sito finalmente all’altezza della situazione e molto più evocativo ed interessante di tanti altri di aziendone più grandi.

Intrigante il testo ed il percorso web che incuriosisce e arricchisce anche me che pure ci sono già stato fisicamente.

Adeguata la proposta commerciale sul b&b: ne vale davvero la pena.

Tutto molto curato, nel complesso, e poi Piercarlo e fanciulla, i tenutari, sono davvero due persone godibili. E piene di simpatiche sorprese. Fine della marketta. Ma ci voleva, perchè meritata.

Operatori mobili virtuali: il caso Poste Italiane

maggio 28, 2007 § Lascia un commento

 poste.jpg

In Europa già da alcuni anni sono presenti i cosiddetti “MVNO” (Mobile Virtual Network Operators), aziende che – non avendo una rete telefonica proprietaria – ne prendono “in affitto” una parte costruendo una proposta commerciale e di marketing adeguata. Anche l’Italia si è finalmente adeguata, vincendo le resistenze dei carrier storici: e così Coop, Carrefour, e poi a seguire Poste Italiane, British Telecom, Mediaset, Pam, Iper, Tiscali, Virgin Italia, etc etc venderanno servizi di telefonia mobile. Se per le insegne della Grande Distribuzione si tratta di un modo intelligente di fidelizzare ulteriormente il cliente finale, è diverso il caso delle Poste, la prima società postale al mondo a lanciare servizi di telefonia.

Gli obiettivi numerici sono degni di nota: 2 milioni di clienti entro 3 anni. E soprattutto lanciare e definire i pagamenti via cellulare. In progetto un telefono con due chip, uno per la SIM telefonica e l’altro per la “carta di debito”. Il telefono di Poste consentirà di pagare le bollette, inviare comunicazioni come le raccomandate (!), comprare ticket per i mezzi pubblici e tracciare le spedizioni fatte. Un sistema “user friendly” utile a servire clienti con poca dimestichezza con le nuove frontiere dell’elettronica …

Business networking all’italiana

maggio 28, 2007 § 4 commenti

logo_milanin.jpg

Seguendo le inclite orme di Linkedin, ecco la business community “Milanin“, un social network di casa nostra composta di professionisti dai settori più disparati, aggregati e federati per sfrutare al massimo le possibilità offerte dall’incontro. Sono già circa un migliaio gli iscritti.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per maggio, 2007 su Marchètting.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 45 follower