Web Credibility

images1.jpg 

I giornali di qualche mese fa riportavano la vicenda del blog di “Belle de jour”, presunta squillo inglese la cui vera identità (si tratterebbe della giornalista-scrittrice inglese Sarah Champion) sarebbe stata svelata da un professore del Vassar College di New York, Don Foster. Appassionato cacciatore di ghostwriter, Foster ha smontato tutta la messinscena avvalendosi delle stesse armi usati dalla sagace finta prostituta: attraverso “google”(!), infatti, ha inserito alcune frasi ed espressioni tipiche della “Belle de Jour” per risalire allo stile della Champion. Questo episodio mostra come uno degli aspetti cardine nella costruzione di un sito web sia la credibilità.

Si è parlato moltissimo di “usabilità” e di “net semiology”, del fatto che un buon sito debba essere “user friendly”, cioè navigabile senza particolari problemi, consultabile attraverso qualsiasi browser, impreziosito da una grafica all’altezza, ma accessibile senza difficoltà in tutte le sue aree. Meno ricordato è invece il fatto che un buon prodotto (o servizio) deve, innanzitutto, conquistare la fiducia degli utenti. A questo proposito, una poderosa ricerca compiuta dal “Persuasive Technology Lab” dell’Università di Stanford ha messo a disposizione degli operatori una mole immensa di materiale su cui riflettere (www.webcredibility.org). I ricercatori hanno stilato alcune regole d’oro utili a verificare la credibilità di un sito web:

-un sito credibile contiene informazioni verificabili e attendibili (importante, quindi, la presenza delle fonti);

-deve essere facilmente percepibile la presenza di un’azienda reale (criteri utili di valutazione sono la presenza di foto di sedi ed uffici, la presenza di partner importanti ed affidabili, le foto e le biografie dello staff);

-il sito deve consentire la facilità di contatto.La ricerca ha mostrato che la percezione della credibilità di un sito da parte della grande maggioranza degli utenti (oltre il 46% degli utenti americani) dipende in larga misura dall’immagine veicolata.

-E’ fondamentale che un sito comunichi professionalità. Anche se questo non è tutto.

-La credibilità è legata  anche all’usabilità: la maggior parte degli utenti attribuisce enorme credibilità ad un sito come Google, chiaro, nitido, elementare, con molti spazi “bianchi”.

-La credibilità connessa all’usabilità dipende anche dall’utilità del sito in questione.

-E dalla chiarezza: i siti troppo sofisticati e pieni di effetti sono destinati a rimanere ai margini, così come i siti che suggeriscono, invece di dire chiaramente, cosa fa l’azienda, e soprattutto quelli che non comunicano (nel caso dei siti commerciali) i prezzi dei prodotti pubblicati.   

I navigatori attribuiscono maggiore credibilità ai siti che vengono aggiornati con frequenza: si incontrano spesso siti dotati di potenti sistemi di content management i cui contenuti più recenti risalgono a diversi mesi prima.

-Un sito credibile contiene poca pubblicità: i navigatori mostrano di non gradire molto i pop up e le altre forme di web advertising (bella scoperta!).

-Così come gli errori: refusi, link non funzionanti ed errori di ortografia minano la credibilità dei siti web più di quanto  si possa pensare.

Pensateci un pò su.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s