Guerrilla Marketing: istruzioni per l’uso

Ultimamente ho sentito parlare con frequenza di “Guerrilla Marketing”, sono comparsi due articoli su due numeri consecutivi de Il Mondo, un blog che leggo spesso ha citato un esempio italiano davvero ben congegnato…

L’esempio che voglio citare è invece straniero: si tratta di FedEx

fedex-bianchetto-strisce-pedonali.jpg

Credo che un progetto “Guerrilla”, per funzionare davvero debba:

-spiazzare l’utente/visitatore/fruitore, coinvolgendolo in maniera emozionale/sensoriale/intellettiva, una specie di “intermittenza del cuore” a fini di branding

-costare poco, altrimenti non è vero “guerrilla”

-sensibilizzare e stimolare la stampa e i media: (quasi) tutto è concesso purchè se ne parli

-prestarsi alla viralità: l’emozionalità deve scatenare gicoforza un passaparola per moltiplicare l’effetto di “branding”

-essere – in qualche modo – non convenzionale, e quindi avere il coraggio di “forzare” la comunicazione, anche a costo di ottenere effetti non previsti (non ho detto negativi, beninteso): vista una pubblicità di un finto prodotto della Tucano Urbano … le finte strisce di parcheggio per la moto/motorino, da posizionare sull’asfalto per creare “posto” anche laddove non ci sia …

2 thoughts on “Guerrilla Marketing: istruzioni per l’uso

  1. Pingback: Meditazioni da supermercato « Marchètting: il marketing del buon senso

  2. Pingback: In fronte scritto « Marchètting: il marketing del buon senso

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s