Wal-Mart: quando la leva “prezzo” non basta

 walmart4.jpg

Crescita alla moviola, fatturati fermi, diminuzione delle quote di mercato, azioni in ribasso: Wal Mart perde colpi. Non solo all’estero, dove il disastro tedesco ha portato ad un buco di quasi 900 milioni di dollari, ma anche nella natìa America. La politica dei prezzi bassi a tutti i costi sembra pagare meno che in passato. E’ la prima volta in 45 anni di onorato (più o meno…) business che il colosso della grande distribuzione si trova in difficoltà. Il low cost non gli garantisce più il vantaggio competitivo di un tempo. Sono saliti i costi di gestione e delle materie prime, e soprattutto quello dell’energia (Wal Mart ne consuma tantissima).

Non è bastato identificare l’aumento del prezzo della benzina (!) come causa della crisi, alla fine – con colpevole ritardo – il management ha capito: esiste anche la concorrenza! Agguerrita. Capace di abbassare ancor più i prezzi, di spremere i fornitori, di ottimizzare il processo distributivo che aveva fatto di Wal Mart il leader mondiale.

Nella primavera del 2005 è nato – udite udite – un ufficio marketing vero e proprio per Wal Mart. Sarà troppo tardi? Riusciranno i markettari d’oltreoceano a risollevare le sorti del gigante? Il target del consumatore-tipo (circa 45 milioni di americani con reddito basso) è sempre più in crisi, e ha sempre meno soldi da spendere. L’obiettivo di Wal Mart? Conquistare altri target, in primis la classe media americana. Una bella sfida …

2 thoughts on “Wal-Mart: quando la leva “prezzo” non basta

  1. Prezzi bassi e qualità fanno a pugni, anche questo è un aspetto da non sottovalutare.
    Nel nostro Paese la grande distribuzione (Coop soprattutto), accoglie prodotti biologici che costano (giustamente), di più. Si è deciso di adottare una politica più responsabile: prezzi bassi sì, ma con un occhio anche alle esigenze dell’ambiente e dei produttori. Credo che la strada per risollevare le sorti di Wal-Mart passi anche attraverso una mentalità nuova, capace di considerare il cliente una persona a cui stanno a cuore temi che sino all’altro ieri ignorava.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s