Shopping-addiction

shopping.jpg 

Leggo su Panorama Economy che H&M ha inserito dei codici a barre sui suoi annunci e cartelloni pubblicitari. Così il consumatore può, con il proprio cellulare, scansire tale codice e, dopo la lettura ottica, essere indirizzato ad un menu interattivo dove potrà scegliere taglia, colore e pagare sempre tramite il device mobile.

Bel modo per H&M di trasformare qualsiasi ambiente (anche un angolo di trada malfamato, o il muro di un metro) in un potenziale punto di vendita. Shopping-follia o innovazione al cubo?

3 thoughts on “Shopping-addiction

  1. Sarà anche vero che il commercio è l’anima del mondo ma credo che stiamo esagerando…mercificazione delle strade, eliminazione di ogni parvenza di privacy, la vendita per la vendita senza alcun collegamento ad una vera necessità: “quanto consumismo” gridava il personaggio di UNA MOSCA A NEW YORK catapultato dalla Russia anni 70 all’America del Boom Economico!!!!

  2. Giusto, Barbablu

    la vendita per la vendita riempie di gelo anche me … cerco sempre un senso in quello che faccio e in come lo faccio … anche se certe logiche commerciali spesso portano aziende grandi e piccole a massimizzare noncuranti del contorno e soprattutto dell’essere umano, protagonista suo malgrado della “shopping experience” …

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s