Premere il Like Button è importante ma non è tutto…

buttons

I Social Network sono divenuti ormai da un po’ di tempo una forma di comunicazione davvero importante ancora purtroppo sottovalutata da molti che non capiscono quanto la costanza nel mantenere attivo il Social scelto possa loro giovare.

Altri invece, precisi e incessanti, ininterrottamente, postano e pubblicano input atti a farsi conoscere o a rendere sempre più noti la loro azienda o il loro operato.

Tra questi assidui frequentatori e sostenitori di Facebook, così come di Twitter o di Instagram o di Pinterest e via discorrendo, ci sono poi quelli che addirittura monitorano, ora per ora, il successo del proprio post mandato in rete così come si terrebbe d’occhio l’apparecchio dell’Elettrocardiogramma.

Ed è proprio di loro che oggi vorrei parlare. Ebbene si perché tra questi spiccano i malcontenti.

Malcontenti a mio avviso perché non sanno ben quotare come si stabilisce lo share mediatico e di quali criteri egli si circonda. Osservano in principal modo la facciata ma non il sostegno per così dire, ossia focalizzano tutta l’importanza degli insights (prendendo come ipotesi FB il Social più utilizzato al mondo) sui Like o su le condivisioni.

Questo è errato. Il numero di like acquisito non serve a nulla, ciò che contano sono le visualizzazioni.

Spesso mi capita di imbattermi in articoli visualizzati da 3.000 persone o altri numeri impressionanti ma contenenti soltanto 16/18 like. Una, al massimo due condivisioni.

Bhè, è normale, io per primo leggo moltissimo, di tutto, quasi in maniera ossessiva-compulsiva ma non metto mai “mi piace” ne’ tanto meno spartisco a destra e a manca ciò che nemmeno è frutto del mio ingegno.

Non ne ho voglia, leggo e basta. E ciò che leggo, la maggior parte delle volte, lo apprezzo. Ma me lo tengo per me.

Bisogna tener conto che c’è un pubblico che non osa, un altro che dal cellulare non riesce, un altro ancora che apprende ma non stima. Ciò non significa che il vostro post non abbia avuto successo.

I cosiddetti analitics, alias dati di traffico e riscontro, son ben altri. L’entusiasmo non si conta con i like ma con l’interesse. Le campagne che sempre più si stanno diffondendo nel proclamare il like oriented le trovo demoralizzanti e costrittive.

Tutti coloro che hanno un sito o un blog sanno perfettamente che il dato principale per essere in prima linea sono le visite, il numero di visitors all’interno del loro spazio in rete, al di là di commenti e altre forme di interazione.

L’accensione all’interesse è la sostanza.

E lo dico da comunicatore quale sono. Il Viral Marketing è composto si da condivisioni e supporti influenti. Ma devono essere mirati e soprattutto non si possono considerare l’unica cosa. E’ vero anche che se clicco il Like Button, il mio amico vede che ho pushato quella notizia e probabilmente s’incuriosisce ma, come ripeto, l’importante è il “seguire” quella pagina, quella persona, quell’attività.

Farne accrescere i membri, i followers. Avere seguaci, anche silenziosi ma esistenti. Questo “mi piace”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s